La Forma del Tre

In tutte le arti marziali interne ed esterne una parte della pratica è dedicata allo studio della Forma, chiamata anche Katà. Si tratta di uno scambio di tecniche di presenza e combattimento in sequenza, dove il praticante allena una dopo l'altra le tecniche studiate.

Anche per noi che attingiamo a piene mani da varie discipline come il Tai Chi o l'Aikido o lo Shaolin Mon, abbiamo una forma. La nostra particolarità è l'esecuzione a tre dove ognuno dei praticanti può rappresentare alternativamente le tre forze: Attiva, Passiva, Neutralizzante, chiamate anche di Azione, Negazione e Riconciliazione.

Questa Forma rappresenta la legge del 3 in maniera dinamica e tridimensionale, costituendo un pilastro dello studio del concetto Taitango e Danze Coscienti e uno strumento indispensabile per leslorazione del terzo stato di Coscienza, quello chaimato "Coscienza di Sé".

 

In foto tutti riconosceranno la grande opera di Sandro Botticelli, la Primavera, un trattato di immensa portata per comprendere la suddetta legge senza l'utilizzo di un pensiero lineare derivato da una spiegazione scritta